Monkey Business
Compenso: Nessuno | 100%:

Per visionare l'intera cutscene iniziale della missione avviatela nei panni di Michael o Franklin - tecnicamente Michael è il primo ad arrivare, ma non farà o dirà nulla finché Franklin non comparirà sulla scena.

Dave e Steve sono pronti ad attaccare uno stabilimento dove viene prodotto un nuovo ceppo di gas nervino. Grazie a Michael e il suo gruppo hanno ottenuto i soldi con cui acquistare tutto il necessario. Ora è tempo di utilizzare il materiale acquistato e salvare l'America.


  

Dialoghi

La scena si aprirà sul molo con Michael che sarà raggiunto da Franklin prima e da Trevor dopo.

Franklin: Ehi. Come va?

Michael: Oh, ehi. Come va?

Franklin: Mi chiedevo, hai avuto notizie dai tuoi familiari?

Michael: Sì, certo... No. E' una cazzata. Non ho alcuna notizia.

Franklin: Cazzo, che situazione.

Michael: Sì, beh... Non importa. Tanto tra mezz'ora saremo tutti morti.

Trevor: Come va, ragazzuole?

Michael: Ciao, Trevor. Come mai questo ritardo?

Trevor: Affari, Michael, affari! OK? Sono l'amministratore delegato di una grande società internazionale. E' un lavoro che mi assorbe molto. Nulla che tu potresti comprendere, da uomo di mondo che sei. Sai, Franklin, se c'è una cosa che imparerai frequentandoci un po'...

Michael: Chiedi l'incapacità d'intendere e di volere, così non possono friggerti.

Trevor: Se vuoi ottenere qualcosa, rivolgiti a chi si dà da fare. Questo stronzo di un riccone è inutile.

Franklin: Ehi, un attimo. Non potete piantarla un po'?

Trevor: Oh, ragazzi, guardate. I vostri amici federali.

Sul molo giungeranno anche Steve e Dave che cominceranno a parlare del piano di attacco.

Steve Haines: Ehi. Dove sono gli altri tre?

Michael: Quali altri tre?

Steve Haines: Avevamo detto che dovevate essere in sei. Questo è un lavoro per sei.

Michael: No, non l'avete detto.

Steve Haines: L'ha detto Dave.

Michael: No, neanche lui l'ha detto.

Dave Norton: Avevi detto che ci avresti pensato tu.

Steve Haines: Questa è una pura menzogna! Io non commetto errori.

Michael: Va bene, allora c'è ne andiamo. Fanculo, andiamo.

Steve Haines: Nah ah ah. Potete farlo anche in tre.

Michael: E morire? Vaffanculo. Fattelo da solo il tuo lavoro sporco.

Steve Haines: Ehi, io il lavoro sporco lo faccio ogni giorno. Tengo il paese al sicuro dalla feccia come te!

Franklin: E stai facendo un ottimo lavoro, devo dire.

Trevor: Ehi, lo volete o non lo volete fatto, questo lavoretto? Allora venite con noi. Forza. Avanti, signor Vestito Sportivo! Signor Contabile Depresso! Andiamo a salvare l'America!

Franklin: Da chi cazzo la stiamo salvando, questa volta?

Steve Haines: Il fatto è questo. Le mie fonti sono convinte che ci sia un complotto alla sezione affari internazionali della... Dell'Agenzia, Ecco... e che in questo posto si stia sintetizzando un gas nervino pericolosissimo.

Trevor: Stronzate!

Steve Haines: Nient'affatto. Nella loro sconfinata follia, vogliono usarla per un finto attacco terroristico in un'area metropolitana, così che possano continuare a ricevere fondi. Niente fa aumentare i fondi per combattere il terrorismo più di un atto terroristico andato a segno.

Trevor: Quindi... quindi... OK. Fammi capire bene...

Steve Haines: No, no, no. Non è possibile capire, è questo il punto. Dobbiamo agire! Voi due vi occuperete dell'estrazione. Muovete il culo e sbrigatevi. Michael! Tu vieni con noi! Che taglia di pinne hai? Agente Norton. E' passato un bel po' da quando eri sul campo. La visione di te fascinato dal neoprene, la riserviamo ai nostri peggiori nemici.

Dave Norton: Sta' zitto, andrà tutto bene.

Steve Haines: E... Sali. Guidi tu.

Ultimato il filmato ci troveremo automaticamente al controllo di Michael - al solito il filmato saltiamolo se stiamo puntando all'oro in questa missione. Ottenuti i controlli sul Dinghy acceleriamo e raggiungiamo la destinazione muovendoci lungo la costa. Facciamo solo particolare attenzione agli scogli di fronte a noi, alcuni sono segnalati sul radar, altri no. Raggiunta la nostra destinazione vedremo che l'obiettivo da colpire è la Humane Labs and Research. Aspettiamo che tutti si mettano in posizione, dopodiché tuffiamoci e restiamo sempre sotto il pelo dell'acqua.

  

Una volta in acqua nuotiamo in direzione sud seguendo Dave e Steve sino ad una grata dove dovremo utilizzare la torcia per tagliare i ventisei punti verdi presenti sulla grata. Tutto ciò che dovremo fare è puntare la bocchetta della torcia sul cerchio verde e accendere la torcia finché non sentiremo un rumore sordo - al contempo il cerchio verde si trasformerà in una linea rossa. Seguiamo l'ordine che vogliamo, più precisi saremo, meno tempo sprecheremo in questa fase di gioco. Aperta la grata, ricominciamo a nuotare, possiamo restare dietro Dave e Steve o spingere al massimo superarli e raggiungere la camera dove emergere prima di loro - il condotto pur dividendosi a volte, non presenta diramazioni verso altri luoghi. Giunti nella camera, emergiamo, risaliamo le scalette e facciamo qualche passo avanti per attivare una nuova cutscene.

  

Dialoghi


Steve Haines: Come va? Eh? Siamo pronti? Io sono nato pronto. Muoviamoci.

Michael: Allora, Dave. Qual è il piano?

Steve Haines: Ehi, ehi, ehi. Localizziamo la tossina e mettiamo in atto la strategia di fuga.

Dave Norton: Non c'è altro.

Michael: Grande... Fai strada.

Ultimato il filmato saremo armati di taser, altresì nota come pistola elettrica. Avanziamo verso la porta e stordiamo il primo nemico dopodiché proseguiamo e scarichiamo l'arma su una guardia armata che spunterà dall'angolo a sinistra. Da qui proseguiamo avanti sino all'ascensore e aspettiamo che Dave e Steve ci raggiungano. Restiamo in posizione e non appena le porte si apriranno, elettrifichiamo lo scienziato e raccogliamo la tessera che lascerà cadere. Fatto questo entriamo nell'ascensore dove si attiverà un altro breve filmato.

  

Ultimata la corsa in ascensore andiamo a destra e raggiungiamo poi a sinistra il laboratorio 1 dove si trovano due scienziati, scarichiamo su entrambi un colpo di pistola elettrica mettendoli così fuori gioco dopodiché avanziamo andandoci a riparare dietro il muro dove si trovano le doppie porte. Da queste spunteranno due nemici, possiamo scegliere se metterli a terra o lasciarli andare via, la cosa migliore ovviamente è prendere di mira uno dei due e scaricare la nostra pistola elettrica. Al secondo uomo, qualunque esso sia, ci penserà Haines. Tolti di mezzo i due, proseguiamo lungo il corridoio, interagiamo con il sistema di sicurezza strisciando il badge preso dallo scienziato sull'ascensore ed entriamo nella sala dove si trova la tossina.

  

Giunti sul posto Haine cercerà di convincere l'uomo ad aprire la porta, ma la cosa non funzionerà e ben presto nell'area giungerà un secondo scienziato. Aspettiamo che l'uomo superi le doppie porte, dopodiché scarichiamogli un colpo di pistola elettrica che servirà anche da monito per l'uomo dentro la camera blindata. Non appena il tizio aprirà la porta, mettiamolo a terra ed entriamo per raccogliere la tossina attivando un brevissimo filmato.


Dialoghi


Michael: Questo fa di me... l'uomo più pericoloso di tutto il paese. E sono anche il più terrorizzato. Oh, cavolo. Grazie mille, governo federale.


  

Concluso il filmato usciamo dalla sala blindata e seguiamo Haines e Dave lungo il corridoio al termine del quale c'è una sala dove ci aspettano due guardie armate e pronte a spararci. Usiamo la pistola elettrica o una normale silenziata, ormai siamo stati scoperti e continuare a proseguire in modo non letale non serve.


Oro [Storditore/Colpi alla testa]

Giunti a questo punto, se avremo eliminato ogni nemico usando la pistola elettrica, saremo a sette nemici sugli otto richiesti dall'obiettivo. Assicuriamoci dunque di eliminare uno dei due usando ancora la pistola elettrica e solo dopo passiamo ad un'arma normale. E' importante notare poi che anche i colpi sparati alla testa con la pistola elettrica valgono per il secondo obiettivo, se saremo dunque stati lungimiranti, avremo già in tasca sette dei quindici headshots necessari.

  

Eliminati i due ripariamoci dietro il muro con le doppie porte aperte, di fronte a noi infatti sono presenti quattro nemici che si muovono da destra a sinistra sfruttando varie coperture. Aspettiamo che uno sia allo scoperto e facciamo fuoco ripetendo poi il trattamento con gli altri tre - ove possibile miriamo sempre alla testa per assicurarci una morte rapida e pe noi più sicura, oltre che ovviamente il raggiungimento dell'obiettivo legato agli headshots per la medaglia d'oro. Eliminati i quattro abbandoniamo la nostra copertura, proseguiamo avanti e facciamo attenzione dopo aver risalito i due gradini al nemico che spunterà dal corridoio a sinistra.

Ucciso l'uomo percorriamo il corridoio in fondo, andiamo a sinistra e nuovamente a sinistra dove dovremo affrontare l'ennesimo nemico. Abbattuto il primo proseguiamo sino alle porte e restiamo riparati qui per far fuori in sicurezza gli altri tre all'interno della sala. Uccisi i tre e raggiunte le gabbie con le scimmie, altri due nemici spunteranno in fondo alla sala da destra. Eliminiamoli e avviciniamoci alla porta chiusa che Haines farà saltare in aria sparando alla serratura. Aperto il passaggio percorriamo il corridoio a V e superato il vertice, andiamoci a riparare rapidamente dietro le casse, siamo praticamente ad un passo dalla zona di carico e l'area è piena di militari.

  

Come accennato i nemici saranno tanti e si muoveranno costantemente tra le varie coperture, sfruttiamo dunque il potere di Michael per rallentare il tempo, mirare e far fuoco alla testa dei nemici assicurandoci così di mandarli a terra subito e senza pericolo che si rialzino per farci fuori. In questa fase restiamo sempre dietro Steve e Dave e solo quando i due avanzano, avanziamo raggiungendo le successiva copertura. Ripulita l'area di carico resterà in genere sempre un singolo nemico che i nostri compari non riusciranno ad eliminare e il nemico si trova nalla zona di carico in fondo a sinistra ben riparato dietro diverse casse.

Eliminato anche l'ultimo dei militari, usciamo fuori dalla zona di carico e avviciniamoci all'unità refrigerante dove si attiverà l'ennesima cutscene del gioco sfruttata anche per spostare il controllo da Michael a Trevor.

  

Dialoghi


Steve Haines: Ecco. Mettila sotto ghiaccio prima che scada.

Michael: OK. Piano. Piano, piano, M. E io che ormai ci avevo preso gusto ad avere l'apocalisse in tasca. Ecco qua.

Dave Norton: Philips sta arrivando.

Steve Haines: Bene. Prepara questo coso.

Trevor: Sono a circa un paio di chilometri. Il pacco è pronto?

Michael: Il pacco è pronto. Vieni qui.

Ultimato il filmato saremo a bordo del Cargobob controllato da Trevor, incliniamo dunque in avanti l'elicottero e raggiungiamo velocemente il container segnalato dai fumogeni rossi. Allineiamoci con il container che dobbiamo caricare in modo tale da attivare un secondo filmato.

Dialoghi


Steve Haines: E' troppo tardi! La squadra speciale dell'Agenzia è già nell'edificio!

Michael: Non è mai troppo tardi! Agiremo ugualmente! Andiamo!

Steve Haines: E' troppo rischioso, bandito! Se l'uccellino precipita, si porta con sé mezza costa occidentale!

Michael: Ehi, sai che ti dico? Perché non la smetti di vomitare scuse e non troviamo una soluzione?

Steve Haines: OK! OK! Va bene, andate! Io resto e sto in copertura!

A questo punto Steve si sparerà un colpo sulla coscia per tentare di fingere di esser stato di supporto all'attacco attuato nel complesso della Humane Labs.

Michael: Fanculo. A me va bene.

Dave Norton: E i cadaveri?

Steve Haines: Mi va bene che non sono uno di loro!

Michael: Forza.

Dave Norton: Andiamo!

Con tutti gli altri che andranno via in elicottero, Steve sarà raggiunto dai membri dell'IAA che lo terranno sotto il controllo delle loro armi.

Steve Haines: FIB! Agente speciale! Ho tutto sotto controllo!

U.L. Paper Contact: Arrestate quell'uomo!

Steve Haines: Vaffanculo! Dovrei essere io ad arrestare voi! Mi sono appena beccato una pallottola per il mio paese!

  

Concluso il filmato viriamo rapidamente con il Cargobob in direzione della pista di Sandy Shores. Assicuriamoci di alzarci a sufficienza per evitare che il container sbatta contro montagne e ostacoli con il rischio che si stacchi, precipiti e stermini l'intero stato. Giunti a destinazione allineiamoci con il Packer e sganciamo il container sopra il rimorchio assicurandoci di non farlo da un'altezza eccessiva. Mollato il container atterriamo attivando così l'ennesima cutscene al termine della quale ci ritroveremo nuovamente nei panni di Trevor che a bordo del suo Bodhi sta riportando Patricia da suo marito, Martin Madrazo.


Dialoghi


Michael: Ehi, Frank.

Franklin: Che si dice, amico? Allora, l'arma chimica è lì dentro, eh?

Michael: Sempre che sia un'arma chimica. Cavolo, per quanto ne so potrebbe essere schiuma da barba. A proposito, la prossima volta il bagno te lo fai tu. Oh, ma non ci sarà un'altra volta, vero, Davey? Non c'è mai.

Dave Norton: Farò del mio meglio per te. Ci provo sempre.

Michael: Già, magari questa volta saremo fortunati. Forse questa volta Steve soccomberà per lo sforzo delle tecniche di interrogatorio avanzate.

Dave Norton: Interrogarlo? Sei impazzito? Probabilmente in questo momento lo stanno decorando.

Michael: Ehi Davey, i ragazzi dell'Agenzia sono sulle tue tracce, ricordi? Eh? Tue e di Stevey.

Dave Norton: Cercate di tenere un basso profilo.

Michael: Ah, che idiota. Questo chi è? Oh! Cazzo, sì!

Franklin: Che succede, amico?

Michael: I miei giorni da uccel di bosco sono finiti. Lester Ha sistemato tutto con quel pazzo figlio di puttana messicano. Gli ha dato il manufatto. Adesso, se Trevor sistema la faccenda con la moglie, siamo a posto.

Franklin: E di lui che sarà, amico?

Michael: Fanculo, a lui piace il deserto. Oltretutto, se facciamo un colpo grosso, ce ne andremo comunque ognuno per la sua strada. Non vedo l'ora di tornare in quello studio cinematografico.

Franklin: Già, allora OK, amico. Beh, ti faccio io un fischio più tardi, d'accordo?

Michael: Che gran bordello. Ti dirò, potresti anche prendere questo deserto, e ficcartelo nel culo. La mia vita sarà pure un inferno di dolore, ma d'ora in poi sarà un dolore fresco, confortevole, con l'aria condizionata. Stammi bene.

Giunti a destinazione, si attiverà il filmato finale di questa lunga missione - ancora una volta, se puntate all'oro, il filmato saltatelo.

  

Dialoghi


Patricia Madrazo: No. Resta.

Trevor: Ti conviene trattarla bene!

Martin Madrazo: Lo farò, amigo!

Trevor: Sì, altrimenti... L'altro orecchio!

Martin Madrazo: Ma certo! Per come la vedo io, tu, io e Michael siamo... Siamo amici, adesso. Buoni amici. Anzi, siamo così amici che d'ora in poi faremo di tutto per evitarci a vicenda.

Trevor: E' perfetto, cazzo.

Martin Madrazo: E ringrazia Michael per la statua! E' stupenda!

Trevor: Sì... Sì, lo farò.

Ultimata la missione l'esilio forzato di Trevor e Michael da Los Santos sarà concluso, adesso potremo tornare in città con i due personaggi senza correre nessun rischio.

Obiettivi per la medaglia d'oro.

In questa missione del gioco avremo quattro obiettivi aggiuntivi richiesti per la medaglia d'oro. Vi ricordiamo che l'oro è ottenibile anche in giocate multiple. La vera sfida per il giocatore tuttavia sta nel riuscire ad ottenere tutti gli obiettivi in una giocata singola.

  • Tempo: Completa entro 13:30 minuti.

Oltre ai vari consigli che potete trovare all'interno della guida in questa pagina, per assicurarvi di ottenere l'obiettivo legato al tempo massimo, assicuratevi di saltare tutti i filmati del gioco quando possibile, il tempo infatti non conta solo i minuti spesi con il controllo sul giocatore, ma anche i secondi e a volte minuti che staremo a guardare i filmati.

  • Storditore: Stordisci 8 nemici con lo storditore.
  • Colpi alla testa: Uccidi 15 nemici con un colpo alla testa.
  • Precisione: Finisci con una precisione di tiro di almeno il 70%.
Video
Qui di seguito potrete visionare il video completo della missione con il sistema per l'ottenimento della medaglia d'oro in una singola giocata.












GTA-Series.com RSS Feed   YouTube   Twitter   Facebook








 

GTA-Series.com is an Official Fansite Member of the Grand Theft Auto Rockstar Games Webring
Coding and graphics made by al[e]ssio & Daniel. Artworks and backgrounds made by Patrick Brown - View all the staff members
Best viewed in resolution width 1024 - XHTML 1.0 Strict, CSS2 and WAI level 2 valid - Major browsers and OS compatible