Nintendo Power: Grosso guaio a Chinatown
Autori: Nintendo Power e al[e]ssio Creata il: 20/09/2008 Aggiornata il: 20/09/2008


Grand Theft Auto su Nintendo DS: Come sarà graficamente? E il gioco? Saranno reali le nostre più grandi paure di vedere GTA, questo fenomeno internazionale sottotono, orientato ad un pubblico per bambini e pieno di minigiochi? Con il fiato sospeso, tutti noi abbiamo aspettato maggiori dettagli su un titolo appena annunciato alla conferenza E3 di Nintendo - sino ad ora.

Nel nostro articolo esclusivo vi sveleremo i dettagli sulla creatura di Rockstar Games per il DS: Grand Theft Auto Chinatown Wars, vi daremo i primi dettagli sul gameplay, opinioni su ciò che abbiamo provato ed immagini del gioco che sapete essere tecnologicamente fattibile, ma non avete idea su come possa essere stato possibile.

A forma segue funzione
Prima di ogni altra cosa rendiamo chiaro un concetto: Chinatown Wars è un gioco della serie GTA sotto ogni aspetto (e sì, questo include anche il rating Mature [16+]). C'è tutto, dalla natura sandbox del gameplay alle caratteristiche di mondo aperto sino al crudo ambiente criminale della narrativa, questo gioco può facilmente essere paragonato ai predecessori visti su console in termine di caratteristiche. Il modo in cui tutto è stato adattato specificamente per l'hardware del Nintendo DS eleva il gioco da una sfida di porting hardware ad un'esperienza unica nel suo genere.
Prendiamo la visuale ad esempio. Non è esattamente la visuale dall'alto dei primi due GTA (tre se si include GTA London) e chiaramente non è assolutamente vicino alla prospettiva in terza persona degli ultimi capitoli della serie; l'angolazione isometrica fornisce la migliore prospettiva possibile di tutti i tempi vista sugli schermi del DS. Similmente, i poligoni in cel-shaded con un grande uso di bordi neri dà al mondo sufficiente contrasto per essere identificato chiaramente, di giorno e di notte, con la pioggia o il sole.
Anche per l'uso del touch screen in Chinatown Wars bisogna complimentarsi. Piuttosto che infilarsi nella via designata da pressoché ogni titolo DS in cui lo stilo si utilizza per gestire i movimenti e le direzioni - gli sviluppatori di Rockstar Leeds hanno intergrato il controllo del touch screen quando appropriato, sia in gustosi minigiochi che nell'ottimizzazione dell'interfaccia utente.
Molto dell'interfaccia utente è basata sull'uso di un PDA (computer palmare), dando agli elementi touch screen una naturale giustificazione. Il PDA funge da client per le e-mail e la gestione dei contatti, come mappa e lettore musicale, come GPS mentre si guida e centro statistiche - statistiche che potranno essere pubblicate sul sito web del Rockstar Social Club attraverso la connessione Wi-Fi del Nintendo. Fortunatamente molte delle icone sono della dimensione di un dito, il che elimina la rottura di dover passare continuamente dall'uso al non uso dello stilo durante il gameplay.
La giocabilità ha inoltre ottenuto la giusta attenzione necessaria per portare un'esperienza GTA verso il DS. Con il cuore della filosofia della serie rimasta intatta, le missioni sono state progettate per brevi porzioni di gioco, con una spruzzata di gioco in qualità arcade: un generoso sistema di mira automatica utilizzabile con il pulsante R toglie la frustrazione di gestire la mira di precisione con la croce direzionale; un'impercettibile sistema di sterzata automatica rende più semplice la sterzata nelle strade, soprattutto durante gli inseguimenti; se si fallisce una missione, puoi saltare non solo direttamente alla missione, ma direttamente nell'azione; l'inclusione di armi come il minigun e il lanciafiamme, l'esagerato ciarlare dei pedoni e la visuale in cel-shading danno un'ulteriore tocco di vita alla caricatura di questo mondo nel gioco.

Sfondamento tecnologico
La grafica del gioco è comunque impressionante - non è sempre piena di dettagli (si tratta dopotutto di cel-shaded), ma la visuale e la varietà è davvero fantastica. Una buona porzione di Liberty City - inclusi i distretti di Dukes, Bohan, Broker ed Algonquin da GTA IV - sono pienamente modellati e rappresentati nel gioco (alcune specifiche strade sono differenti da quanto visto in GTA IV), con nessun problema riguardo i tempi di caricamento, la distanza di visuale o il frame rate. Solo questo da solo è già un grande passo avanti, ma quando ti focalizzi su quanto densamente popolata è la città - ci sono infiniti pedoni e veicoli sparsi per le strade, tutti con i propri movimenti nel casino della città - diventa innegabile che Chinatown Wars è un qualcosa a cui nessun altro gioco per DS si è mai avvicinato: creare quel vivo e vibrante mondo per cui i GTA sono conosciuti.
Nulla è più chiaro che un inseguimento della polizia - anche perché si è testimoni della sorprendente aggressività dell'IA, ma più che altro per via del sistema completamente nuovo che gestisce adesso il livello di sospetto. Se in GTA IV per fuggire dalla polizia si doveva uscire dalla zona di sospetto, in Chinatown Wars l'obiettivo è eliminare le auto della polizia in ogni modo possibile, il che include sfuggirgli o semplicemente fare un frontale così da distruggerli. Durante questi caotici inseguimenti scoprirai quanto vasta e congestionata è Liberty City, guiderai in città abbattendo pali della luce, mettendo sotto pedoni e saltando fuori dal tuo fumante (e rubato) taxi su di una nuova motocicletta parcheggiata di fianco, tutto per abbassare il proprio livello di sospetto.
Un numero di altri tocchi grafici enfatizzano l'organica vibrazione della città. Ci sono effetti climatici in tempo reale, il ciclo giorno/notte di 24 ore, i fanali delle auto illuminano la città di notte, fieri lampi escono fuori dalle canne delle armi per mostrarne la ferocia e le auto che esplodono dimostrano la presenza di un sistema fisico proprietario. Il gioco ha anche un comparto audio ovviamente, con un'ampia varietà di stazioni radio da sentire in ogni istante - ma aspettatevi più musica strumentale che successi vocali. Nel momento in cui vedi girare il gioco, cominci a credere a ciò che Rockstar Leeds è riuscita a fare sull'hardware del DS con un codice ottimizzato a mano di oltre 800.000 linee di comandi.

Lo stato fatto di latte e miele
È facile immaginare che l'annuncio di Chinatown Wars sia stato affiancato da scetticismo e curiosità. Dopotutto il DS non è la più potente console portatile in termini di processi e nessun altro gioco portatile ha tentato di raggiungere ciò che è un titolo GTA. Solo questi fatti fanno capire che Rockstar Leeds ha creato con Chinatown Wars un nuovo limite e ancora non sappiamo nulla sulle modalità multiplayer confermate o sulle altre caratteristiche che utilizzano il Wi-Fi.
Dopotutto solo una piccola, veramente piccola porzione del gioco ci è stata mostrata, ma c'è comunque la sensazione che un intero mondo GTA è pienamente realizzato. Adesso sappiamo che il gioco poteva essere fatto ed è stato fatto bene. Non vediamo l'ora di poter giocare completamente Chinatown Wars quando sarà disponibile nei negozi questo inverno.

I giochi dentro il gioco
Nei precedenti GTA con rating Mature, i "bravi ragazzi" non sono mai degli eroi a pieno titolo, ma sopravvivono e fioriscono nello stesso mondo criminale dei loro nemici. Per esempio nella missione "Tricks of the Triad", Huang Lee avrà la possibilità di vendere e scambiare droga in giro per Liberty City, guadagnando - e perdendo - soldi in questo processo. Lee tiene traccia di questi affari in tempo reale attraverso il suo PDA, completo di aggiornamenti sui profitti e sulle perdite di ogni settimana. La polizia comunque non resterà a guardare queste attività criminali - 100 camere di sorveglianza sono state piazzate in giro per la città, il che fa aumentare (finché le telecamere non saranno distrutte) il prezzo della merce nelle aree coperte da questi apparecchi. Aspettati inoltre il ritorno delle missioni Tassista, Pompiere, Paramedico e Vigilante, esattamente come i classici GTA, con inclusi anche i salti unici, le violenze, i personaggi casuali, le missioni secondarie e tanto altro.

Raggiungi e tocca
Siamo al corrente di poche delle implementazioni dello stilo nei minigiochi, ma ognuno di questi era semplice e intelligente con un fascino simile a WarioWare e sono caratteristiche incluse sia durante l'azione che in elementi della storia del gioco. Ecco alcuni di quelli che abbiamo provato.
  • Distruggi il parabrezza: Dopo aver guidato un'auto su un ponte ed essere caduti in acqua, il touch screen ha subito mostrato l'immagine di un parabrezza di un'auto. Bisogna colpire diverse volte il vetro per poterlo rompere e nuotare verso la libertà;
  • Metti in moto: Alcune auto necessitano di un lavoro extra per essere messe in moto - nel nostro caso questo lavoro extra era dato da un cacciavite nel quadro di accensione. Altre auto possono richiedere modi diversi per essere messe in moto;
  • Sposta la spazzatura: Abbiamo dovuto spostare sacchi di spazzatura dentro un cassonetto per trovare un'arma nascosta in fondo;
  • Crea la bomba: Raggiungendo le stazioni di rifornimento sarà possibile creare delle molotov. Usa la pompa di benzina per riempire più bottiglie che puoi nel tempo limite;
  • Tatuaggi: Cos'è un membro della Triade senza tatuaggi - specialmente uno tatuato attraverso lo stilo con il compito di dover restare all'interno delle linee?
C'era una volta a Chinatown...
Come tanti altri GTA, la storia incentrata sulle gangs ha portato Chinatown Wars in avanti, con gli aspetti chiave raccontati attraverso scene dipinte a mano ed animazioni limitate. La storia del gioco ruota intorno a Huang Lee, un membro della Triade cinese che deve consegnare un presunto cimelio di famiglia, una spada chiamata Yu Jian appartenuta al padre appena assassinato, allo zio Wu "Kenny" Lee. L'inevitabile imboscata che avverrà lungo il tragitto porterà Huang nel compito di dover non solo recuperare la spada, ma anche vendicare la morte del padre. Queste sono cinque missioni che abbiamo potuto provare.
  • Yu Jian: Questa missione introduttiva ha inizio con Huang che viene derubato della Yu Jian e lasciato in fondo al fiume Humboldt creduto morto. Una volta ripreso dovrà raggiungere il ristorante dello zio Kenny (Sum Yung Gai) ed informarlo della situazione. Da qui verrà resa disponibile la prima casa di salvataggio nel gioco.
  • Street of Rage: In questa missione dovrai correre in aiuto di Wade Heston, un poliziotto che lavora con Huang, che si ritrova in un'imboscata organizzata da un assassino coreano chiamato Wonsu Nodong. Per raggiungere Wade, bisogna eliminare un assassino armato di minigun ad ogni costo. Questa missione introduce la meccanica di lancio delle granate, dove toccando lo screen partendo dal centro verso l'esterno, si aumenterà la distanza del tiro della granata.
  • Tricks of the Triad: In questa missione Huang dovrà girare per Liberty City vendendo droga per guadagnare denaro. Finirà ovviamente in un'imboscata della polizia con Huang che dovrà sfuggire dal livello di sospetto a due stelle prima di ritornare al covo.
  • Recruitment Drive: Nella prima fase Huang dovrà salvare tre membri della Triade da una gang avversaria e reclutarli infine nella sua gang. La parte finale dell'iniziazione vedrà Huang occupato nel tatuare le nuove reclute utilizzando lo stilo sul touch screen.
  • Guidato alla distruzione: Senza dubbio la più scandalosa e divertente missione che abbiamo provato, qui Huang dovrà guidare un furgoncino equipaggiato nel retro con un minigun controllato da un altro membro della Triade, permettendogli così di sterminare quanti più membri giamaicani possibili intorno alla città. Per completare la missione sarà sufficiente riempire il contatore che segnala il grado di carneficina.
Didascalie delle immagini
  • Chinatown Wars ha un aspetto che si differenzia certamente dai più odierni GTA, ma presenta comunque tutto ciò che è sempre piaciuto in questi giochi.
  • Il gioco si chiama Chinatown Wars, ma non pensare di ritrovarti bloccato nel quartiere - viaggerai tra i distretti di Liberty City, esattamente come in GTA IV.
  • Lo stilo è utilizzato correttamente in una miriade di mini-giochi.
  • Benché sia famigerato per la sua violenza, GTA è conosciuto anche per il suo humour e i personaggi memorabili, e Chinatown Wars continua secondo questo trend.
  • Parti di questo gioco ci ricordano Max Payne su GBA. La cosa ha senso comunque - si tratta dello stesso sviluppatore.











GTA-Series.com RSS Feed   YouTube   Twitter   Facebook








 

GTA-Series.com is an Official Fansite Member of the Grand Theft Auto Rockstar Games Webring
Coding and graphics made by al[e]ssio & Daniel. Artworks and backgrounds made by Patrick Brown - View all the staff members
Best viewed in resolution width 1024 - XHTML 1.0 Strict, CSS2 and WAI level 2 valid - Major browsers and OS compatible